Google | SuperEva | Arianna | msn.com | inwind | Tiscali | Excite | Yahoo! | Virgilio | Trovatore | AltaVista | lycos

 

logo logo Siniscola antilogo

   Homepage  

Foto

Letteratura

Chiese

Sport

Banche

Musica 

Sardegna

Attività culturali

 

Chiese

Chiesa di S. Giuseppe

san giuseppeL'iniziativa di costruire la chiesa di S. Giuseppe era stata presa intorno agli anni 1670‑80 e aveva subito suscitato interesse e “provocato" offerte: Caterina Carta lasciò alla Chiesa un "emboltorio" di lino l'8 aprile 1675, Isabella Serra Pirella 200 scudi il 21 giugno 1676, Dona Anna Ruyu Adamez il 5 agosto 1679 una gonna di seta donatale dalla Contessa di Montalbo. Anche nel LD del 10 marzo 1677 si parla espressamente di Chiesa "del glorioso San Joseph".

 

Ne era il promotore, insieme alla sua famiglia, il Sac. Giovanni Giuseppe Sanna che aveva già iniziato i lavori e curato la costituzione del patrimonio che in seguito avrebbe garantito la gestione della stessa Chiesa. Poiché però successivamente, per ragioni di salute e per la sua prematura morte, non aveva potuto realizzare il suo proposito, la madre di detto Sacerdote, Santora Guisu Cambone, aveva dato l'incarico di edificare la Chiesa al nipote Giovanni Battista Sanna. Nel caso che anche costui potesse mancare prematuramente, aveva designato per tale incarico i discendenti dei Ruyu Quiso e dei Ruyu Sanna, mentre alla nipote Narcisa Spanu affidava la cura delle eventuali successive riparazioni (LD 23.09.1696).

 

Poiché il 17 dicembre 1695 Nicola Pugiony di Irgoli, travolto dal fiume, venne sepolto nella Chiesa di S. Giuseppe (LD), si suppone che, in tale anno, la costruzione era quasi terminata.

 

Fu proprio Giovanni Battista Sanna a voler dare impulso al completamento della Chiesa e a dotarla di molte proprietà con atto del 13 giugno 1716. (1) Poté soltanto perfezionare la costituzione della dote perché morì dopo alcuni giorni dalla stipula dell'atto, il 2 del mese successivo.

 

Anche M. Grazia Ruyu Sanna, probabilmente parente dei fondatori, cercò di dare ulteriore impulso alla conclusione dell'opera destinando i suoi beni a tale scopo il 24 agosto 1722 (LD).

 

Ha quindi ragione il Casalis che colloca l'edificazione di questa Chiesa nel 1730. (2)

 

Terminata la costruzione, non cessò l'interesse per questa Chiesa. Infatti il 19 agosto 1812 (LD) certa Desogos Giovanna Agostina istituì il patrimonio di S. Giuseppe costituito da diversi terreni: tanca di "Funtanedda" (valore 200 scudi), chiuso di "Pirastreri" (100 scudi), chiuso di "Tolis" (60 scudi), metà del mulino di S. Giuseppe e metà di una tanca confinante con il fiume e la strada (300 scudi).

Nel 1844 la Chiesa si trovava complessivamente in buone condizioni, se si eccettua qualche danno nel tetto, facilmente riparabile. (3) In anni precedenti la Chiesa era stata amministrata dagli eredi dei fratelli Floris che si occupavano della celebrazione a proprie spese, delle feste di S. Giuseppe. (4)

 

Come nelle altre Chiese di campagna, anche in questa vi trovarono sepoltura soltanto poche persone: tra le altre, il 28 novembre 1834, "maestro" Giuseppe Novello che lavorò alla costruzione del campanile della Chiesa di S. Giovanni e, il 24 dicembre 1835 (vigilia di Natale!), Giovanni Sotgiu, morto annegato nel fiume "Crispinu".

 

Nel 1955, nella Chiesa, oltre quella di S. Giuseppe, vi erano venerate le statue di N.S. degli Angeli, e di S. "Bainzu e' Portu" (S. Gavino di Portotorres) (5) e, nel 1980, una di S. Francesco. (6)

 

 

1- AAC, RV, 7.

2- Casalis, o.c., p. 219.

1- ADN, VV.

4- AAC, QP § 2,3

5‑ Vis. Past. Melas 1955.

6‑ APS, inventario per consegne.

 

 

 
 

Guida TV 

Meteo

A Siniscola

Google

Costume di Siniscola

Costume di Siniscola

 
 

Homepage

                                     vai sopra                                       

     Siti Preferiti

  

  Ansa | cnn Italia | Italia Post | rainews24 | Agenzia Italia |  Ago

amico |  Asca |  Eipa | Ag.  giornalisticaeuropea | Televideo

      

  Copyright © 2002 siniscolaonline / Inc. Tutti i diritti riservati