Google | SuperEva | Arianna | msn.com | inwind | Tiscali | Excite | Yahoo! | Virgilio | Trovatore | AltaVista | lycos

 

logo logo Siniscola antilogo

   Homepage  

Foto

Letteratura

Chiese

Sport

Banche

Musica 

Sardegna

Attività culturali

 

Chiese

Chiesa di "Luittu" o "Luitu"

Tomba dei GigantiIn passato a Siniscola ci fu grandissima devozione all'Apostolo S. Pietro. Venivano celebrate puntualmente le tre feste liturgiche in onore del Santo ricordate nel calendario universale della Chiesa: Cattedra di S. Pietro a Roma il 22 febbraio, festa dei SS. Pietro e Paolo il 29 giugno e Dedicazione a Roma della Chiesa di S. Pietro in Vincoli il 1 agosto.

 

Non reca perciò meraviglia che nel tempo siano state costruite ben tre Chiese in onore dell'Apostolo: in località Sedduri, nell'abitato e a Luitu o Luittu. Il nome della località si trova scritto nei documenti sia con una "ti" che con due.

 

La prima era esistente almeno dal 1602 con il titolo di S. Pietro in Vincoli, nella località detta oggi "Santu petru"; (1) la seconda che inizialmente era dedicata alla cattedra di S. Pietro e solo in seguito dedicata alla Madonna d'itria; (2) la terza è questa di Luitu di cui intendiamo parlare.

 

Con questo nome si intende indicare la Chiesa esistente, già dal 1811, nella località chiamata "S. Pretu de Luittu" e situata nella parta militare di Siniscola con l'indicazione "S. Pietro (rov.)". (3)

 

A detta del Casalis fu edificata da Sacerdoti siniscolesi presso la fonte di "Luittu", a un'ora di strada dall'abitato di Siniscola, e fu benedetta il 24 settembre 1811 con il titolo di N.S. della Salute. (4)

 

Di questa Chiesa con tale titolo parla anche il Lamarmora (1868), riferendo che si trovava presso la fonte suddetta, alla quale accorrevano, in estate, tanti siniscolesi, richiamati sia dall'acqua della sorgente ritenuta "medicinale", sia dalla salubrità dell'aria del luogo. (5) La fama della bontà dell'acqua della fonte di Luittu doveva essere grandissima. L'Angius trattando delle "molte fonti che tengonsi dal popolo come salutifere", oltre che metterla al primo posto, afferma che "questa fonte di copioso sgorgo trovasi sulla falda del Montalbo, a un'ora da Siniscola, e domandasi da molti ammalati". (6)

 

Sembrerebbe quindi acquisito che in quel periodo la Chiesa di Luittu era conosciuta come dedicata a N.S. della Salute. Anche il Rettore Carboni, scrivendo all'Ordinario Diocesano il 21 dicembre del 1866, parla della Chiesa della Salute in Luitti. (7)

 

Ma il sac. Costantino Puxeddu, nel suo testamento rogato dal Not. Boccoli nel 1837, dichiara di lasciare dieci scudi per l'acquisto di un calice per la Chiesa di "Luittu". Nel prosieguo dello stesso la chiama Chiesa di S. Pietro di Luittu e, in fondo allo stesso testamento, destinandole 50 scudi, ordina ai suoi eredi e successori di riparare, quando se ne presentasse la necessità, oltre la Chiesa di S. Elena, anche quella della V.ne della Salute di Luittu (LD 23.03.1837).

 

Poiché il Puxeddu non parla assolutamente di due Chiese site nella stessa località e non lo lascia neppure sospettare, si deve con ogni probabilità pensare che si doveva trattare bensì di una unica Chiesa, ma che aveva due "indicazioni", come accadeva già sia per la Chiesa di "S. Simbrichi e de S. Portholu", che per quella dei Santi Sisto e Andrea.

 

Ciò sembra ancora più probabile poiché lo stesso Puxeadu aggiunge: “Voglio e comando che ogni anno in perpetuum uno dei miei eredi che vado ad istituire e i loro successori di mano in mano concorra alla solita porzione dei pranzi e Messa della Madonna e San Pietro di Luittu e nel Maggio ed Agosto a quel di S. Elena": distingue quindi tra due Chiese, quella dedicata a S. Pietro e alla Madonna che si trovano a Luittu e l'altra dedicata a S. Elena.

 

Vi sono anche altre testimonianze a conferma di quanto appena detto.

 

E’ vero che Narcisa Turiche, nel 1844, lascia il "chiuso aperto" che aveva a "Sa Greca", insieme ad altri terreni che aveva nella stessa zona, "alla SS. Vergine della Salute, sita nella Chiesa rurale del luogo detto Luittu" (LD 4.05.1844). Così pure il Lamarmora afferma che il Sac. Satta Puxeddu Giovanni venne sepolto nella "Chiesuola dedicata alla Vergine della Salute" in forza del diritto di patronato di cui godeva la famiglia Puxeddu. (8)

 

Ma nell'atto di morte dello stesso sacerdote, già Vice Parroco di Siniscola, si attesta che venne sepolto, "per ordine superiore" malgrado l'esistenza già da un anno del nuovo Cimitero e la proibizione di seppellimento in luoghi diversi dal cimitero, nella Chiesa di S. Pietro di Luitu (LD 29.06.1870).

 

Il Pilurcy parla di una Chiesa di S. Pietro distante dal paese un'ora e mezza di strada, affermando che fu riedificata con licenza dell'Ordinario dal V.le Giovanni Battista Bucoli, che in quel periodo la amministrava con somma diligenza e che faceva celebrare a proprie spese le feste tradizionali in onore del Santo. Purtroppo però non dice in quale località essa si trovasse, se a "Sedduri" o a "Luittu". (9)

 

Probabilmente intendeva parlare della Chiesa di Luitu sia per la distanza indicata, inferiore di ben due ore da quella indicata da altri per Sedduri, sia perché più vicina al paese e più frequentata, specialmente in estate, per la salubrità dell'aria e dell'acqua della vicina fonte. (10)

 

Per le stesse ragioni si può intendere riferita a quella di Luitu l'indicazione del R.re Salis di una Chiesa rurale dedicata a S. Pietro Apostolo, distante “dalla popolazione un'ora di viaggio a cavallo". (11)

Lo stesso discorso non si può fare per il testamento del 17 maggio 1771 nel quale Giovanna Caterina Truchu dispone l'acquisto di una statua di S. Pietro da collocare nella omonima Chiesa rurale, senza indicazione della località.

In conclusione, anche prescindendo dalle testimonianze suddette, si può ritenere per certo che la Chiesa di Luittu. fosse chiamata indifferentemente di S. Pietro e di N.S. della Salute.

 

Malgrado le raccomandazioni del Sac. Costantino Puxeddu di cui si è detto, dopo la morte del nipote Sac. Satta (1870), la Chiesa insieme alla casetta adiacente, intorno al 1880, erano "quasi distrutte" e abbandonate. (12)

 

Il 21 giugno 1997, ricostruita con gusto e impegno da un gruppo di persone generose e competenti, salvando e inserendo nella nuova struttura un arco della costruzione precedente, questa Chiesa che, per rispetto al passato, si intende dedicata a S. Pietro Apostolo e a N.S. della Salute, è stata benedetta e riaperta al culto dal Vescovo di Nuoro Mons. Pietro Meloni, essendo Parroco Don Ciriaco Vedele.

 

 

 

1- AAC, RS.

2- QL 1620‑43, f. 1.

3- F 195 IV S.E.

4- Casalis, o.c. p. 220.

5- Larnarrnora, o.c., p. 164.

6- V. Angius, Storia della Sardegna, 1, Forni, 1986, pag. 101.

7- ADN, cartella Siniscola.

8- Lamarmora, o.c., p. 164.

9-  AAC, QP, § 2,3

10- AAC, QP, § 2.3 '

11- AAC, QS, § 2,1 e 3.

12- Appendice IV, 3.2, n. 86 e A. Fenu, Considerazioni sulle condizioni di Siniscola, Tip. Ditta G. Casalis, Bra, 1900, p. 5.

 

Guida TV 

Meteo

A Siniscola

Google

Costume di Siniscola

Costume di Siniscola

lineablu

 
 

Homepage

                                     vai sopra                                       

     Siti Preferiti

  

  Ansa | cnn Italia | Italia Post | rainews24 | Agenzia Italia |  Ago

amico |  Asca |  Eipa | Ag.  giornalisticaeuropea | Televideo

      

  Copyright © 2002 siniscolaonline / Inc. Tutti i diritti riservati