Google | SuperEva | Arianna | msn.com | inwind | Tiscali | Excite | Yahoo! | Virgilio | Trovatore | AltaVista | lycos

 

logo logo Siniscola antilogo

   Homepage  

Foto

Letteratura

Chiese

Sport

Banche

Musica 

Sardegna

Attività culturali

 

Chiese

Chiesa di S. Antonio Abate

La Chiesa di S. Antonio fu eretta con diritto di patronato da Giovanna Chiesa San Antonio Ruyu Pìrisi e dal figlio Sac. Pietro Francesco Carta con dote stimata in 500 libbre, sancita dal Not. Apostolico Gìov. Angelo Sanna con atto del 12 agosto 1646.(1)

 

Detto Sacerdote, nel testamento rogato dallo stesso Notaio, lasciò il suo patrimonio alla Chiesa, che egli costruì "a proprie spese" e, in forza dello "jus sepeliendi" (j.s di cui godeva, vi fu sepolto il 1 febbraio 1658.

 

La dote, costituita inizialmente da case e terreni, divenne più cospicua quando sì arricchii di atti censuali e dì bestiame vaccino, 32 vacche nel 1738 e 20 capi nel 1777.(2)

 

Secondo il Rettore Ventura i patroni della Chiesa di S. Antonio erano soliti, a differenza di quelli delle altre Chiese e altari di Siniscola, presentare annualmente i conti.(3) Anche il Pilurci aveva confermato tale comportamento degli eredi dei fondatori della Chiesa.(4)

 

In seguito, però, il Rettore Salis dovette lamentare la pessima amministrazione dei compatroni che ne avevano prosciugato il pingue patrimonio.(5)

 

Concorsero per la costruzione e l'arredamento della Chiesa attraverso donazioni testamentarie Giovanni Congiu che lasciò nel 1660 "la pietra" che aveva accantonato per costruire la propria casa (21.02.1660) e Caterina Carta, moglie di Agostino Angelo Desogos, che nel 1675 donò uno stendardo e due sedie fatte a Dorgali (8.04.1675).

 

In alcuni testamenti si parla di altari esistenti all'interno della Chiesa senza indicarne il numero (LD 25.04.1656 e LI) 10.08.1675). Forse però si trattava di nicchie nelle quali erano collocate delle statue. Infatti in quei tempi esistevano due tipi di altari, uno con l'"ara" cioè la mensa per la celebrazione, e un altro che ne era privo; questo costituiva qualcosa di votivo in onore di uno o più Santi.

 

Non sappiamo quali Santi allora vi fossero venerati, mentre recentemente, nel 1949, vi si trovavano esposte alla venerazione dei fedeli le statue dei Santi Espedito, Giuseppe Calasanzio, Giuda Taddeo e delle Sante Elisabetta e Anna.(6)

 

La Chiesa doveva essere tenuta in grande considerazione se a tempo debito ci si preoccupava della manutenzione ordinaria ed anche di operarvi dei restauri, come avvenne negli anni 1734‑37 con offerte di Pietro M. Mele ed Elene Trucu Contu (LD 26.02.1734 e 25.04.1737).

 

Ma, a causa del materiale adoperato, spesso scadente, le Chiese avevano bisogno di continui restauri. Il 15 marzo 1858 il Rettore fu costretto a vietare le funzioni, oltre che in quelle del Carmelo e di N.S. d'Itria, anche in questa fintanto che i compatroni non avessero fatte le indispensabili riparazioni.(7)

 

La Chiesa fu sempre officiata, sia il 13 giugno per la festa del Santo cui era dedicata, che il 17 gennaio per quella "ab immemorabili" di S. Antonio Abate, col relativo "olone de ramasinu" acceso davanti alla Chiesa nella sera del Vespro. In certi periodi vi si celebravano due Messe ogni lunedì e, nel 1838, vi celebrava ogni giorno il Sac. Francesco Saverio Bulloni.(8)

 

Era utilizzata specialmente per la sepoltura dei bambini e in particolare per le tumulazioni degli appartenenti alla famiglia Carta, eredi del Sacerdote Francesco Carta, fondatore della Chiesa. Vi furono sepolti anche i Sacerdoti Fra Francesco Zonchello del Convento dei Minori Osservanti di Nuoro (LD 28.05.1718), Quirras Pietro Giuseppe (LD 12.07.1782), Farris Carta Salvatore (LD 7.09.1825) e Piras Saturnino (LD 18.09.1828).

 

L' uso di questa Chiesa come luogo per la sepoltura durò fino al 2 settembre 1835, giorno in cui per ultima vi venne sepolta Lazzarea Porcu.

 

Intorno al 1924 la Chiesa era in stato di completo abbandono al punto che il R.re del tempo la chiama "ex chiesetta". In quel periodo era considerata appartenente al Dr. Luigi Sanna che a suo tempo l'aveva riscattata dal Demanio, come era accaduto per la Chiesa di Valverde a Nuoro ad opera di Paolo Costa. Un comitato per la Chiesa intendeva ottenerla in donazione. Il R.re Fadda sì adoperò perché venisse donata alla Parrocchia, mentre il Comitato si sarebbe adoperato per riattarla in modo da poterla riaprire al culto. (9)

Il Presidente di detto Comitato, Cav. Salvatore Coronas, il 20 dicembre 1925 inoltrò al Vescovo la domanda per la restaurazione. La domanda fu accolta di buon grado da Mons. Maurilio Fossati il 18 gennaio 1926.

 

 

1- Appendice I, 7.1 e AAC, RV, 5. In QS, § 1, 1 erroneamente si parla dì Giov. Stefano.

2- AAC, RV,5 e QP, § 1, 4.

3- AAC, RV, 5.

4- AAC, Qp, § 1 5.

5- AAC, QS, § 1, 6.

6- ADN, Visita Past. Melas 1949.

7- ADN, Corrispondenze n. 9, n. 57.

8- Appendice IV, 4, n. 9.

9- ADN, cartella Siniscola, n. 3.

 

Guida TV 

Meteo

A Siniscola

Google

Costume di Siniscola

Costume di Siniscola

 
 

Homepage

                                     vai sopra                                       

     Siti Preferiti

  

  Ansa | cnn Italia | Italia Post | rainews24 | Agenzia Italia |  Ago

amico |  Asca |  Eipa | Ag.  giornalisticaeuropea | Televideo

      

  Copyright © 2002 siniscolaonline / Inc. Tutti i diritti riservati