Google | SuperEva | Arianna | msn.com | inwind | Tiscali | Excite | Yahoo! | Virgilio | Trovatore | AltaVista | lycos

 

logo logo Siniscola antilogo

   Homepage  

Foto

Letteratura

Chiese

Sport

Banche

Musica 

Sardegna

Attività culturali

 

Chiese

Chiesa di S. Pietro di "Sudduri"

San Pietro di "Sudduri"Il più volte ricordato Visitatore della Diocesi dì Galtelly can. Antonio Sanna, nel 1602, tra le Chiese rurali di Siniscola, annovera quella di S. Pietro di "Seduri" o "Sedori". Si doveva trattare di una Chiesetta molto povera e senza risorse poiché i lavori di restauro se li dovettero accollare i priori di quell'anno Joan Matheu Bucoli e Domingo Orru. (1)

 

Anche Mons. Sebastiano Carta, in un documento già citato, ricorda questa Chiesa di S. Pietro di "Sudduri" (sic).

 

Pur notando la diversità di scrittura del toponimo, Seduri, Sedori e Sudduri, fatta da persone non del luogo e quindi con maggiore facilità di errore, è chiaro che si tratta della stessa Chiesa.

 

Meriterebbe un approfondimento l'ipotesi che "Sedduri" sia una trasformazione fonetica di "Silluri" (o Filluri). Questo toponimo è collocato nel Liber Fundachi tra i terreni di Siniscola, insieme ad altri tra i quali Donnicella ("Unnichedda"?), Ipolo (guadu di "I Palu"?), Ponte Alto ("Portiarta"), Vadu de Gaduri ("Gad' Edduly"?), Gorrosso ("Gorrosca"?), Cerchalo ("Ghirthala"), Seminatorgio ("minatorju"), Tirgio ("Tiliò"?), per cui l'ubicazione della Chiesa di Sedduri sarebbe la stessa nella quale recentemente è stata ricostruita la Chiesa di S. Pietro. Filluri era anche un piccolo centro abitato di cui si parla nello stesso Liber Fundachi. Sia il Panedda che l'Alberti credono che esso si trovasse tra Orosei e Siniscola e che fosse "una frazione in area di pertinenza siniscolese". (2)

In periodo successivo troviamo una Chiesa di S. Pietro di "Sa Serra", località corrispondente a quella di "Sedduri". La chiama con questo toponimo certo Allégria, pastore, che alla stessa Chiesa lascia un alveare (LD 2.08.1709). Anche i testamenti di Simone, Giovanni e Maria Francesca Mele ne parlano allo stesso modo (LD 28.05.1736, 17.04.1738, 13.03.1757).

 

Anche il Casalis, parlando della stessa Chiesa "circondata da vestigie di popolato, riedificata nel 1812, distante dal paese verso Orosei ore 3112 di strada tortuosa e scoscesa dalla parte verso Nuoro", la dice "della Serra" (3) e Senovia Marque nel suo testamento destina 28 soldi alla Chiesa di "S. Pedro de la serra" (LD 19.11.1703).

 

Malgrado la diversità delle denominazioni, di Sedduri o di "Sa serra", spiegabili perché si tratta di persone e di periodi diversi, è da pensare che nei suddetti documenti si parli di una stessa Chiesa, situata nella stessa località.

 

In tempi recentissimi, 1984, questa Chiesa, per interessamento soprattutto della famiglia Pípere Carta, è stata interamente ricostruita, mentre sono stati approntati dei locali ampi e armoniosi per l'accoglienza dei fedeli nel giorno della festa.

  

1- AAC, RS.

2- F. Artizzu, Liber Fondachi, Università ‑ Cagliari, 1966, pp. 273 e 274: O.P. Alberti, o.c., Vol. 1, Parte I, p. 46 e Panedda, o.c. p. 404.

3- Casalis, o.c. p. 219‑220.

 

Guida TV 

Meteo

A Siniscola

Google

Costume di Siniscola

Costume di Siniscola

lineablu

 
 

Homepage

                                     vai sopra                                       

     Siti Preferiti

  

  Ansa | cnn Italia | Italia Post | rainews24 | Agenzia Italia |  Ago

amico |  Asca |  Eipa | Ag.  giornalisticaeuropea | Televideo

      

  Copyright © 2002 siniscolaonline / Inc. Tutti i diritti riservati