Google | SuperEva | Arianna | msn.com | inwind | Tiscali | Excite | Yahoo! | Virgilio | Trovatore | AltaVista | lycos

 

logo logo Siniscola

   Homepage  

Foto

Letteratura

Chiese

Sport

Banche

Musica 

Sardegna

Attività culturali

   

Siniscola: evoluzione storica

  Evoluzione Storica/Urbanistica del territorio   

 1970 - 2002

A partire dal 1970 e sino ad oggi, gli evidenti segnali di sviluppo del decennio precedente si consolidano ed addirittura si accrescono notevolmente. La mutata situazione economica e sociale trova riscontro in una dinamica demografica esemplare in rapporto all'andamento generale della Provincia di Nuoro: gli abitanti residenti passano dai 7.013 del 1971, ai 9.080 del 1981, con un incremento dei 29,47%, ed infine ai 10. 234 del 1991, con un incremento dei 12.71 %.

 

Parallelamente allo sviluppo della struttura economica nella sua globalità, si determina l'ulteriore crescita dagli insediamenti urbani. Significativi alcuni dati dei censimenti ISTAT: nel 1981 gli addetti al settore delle costruzioni erano circa 2.700; tra il 1971 ed il 1980 si costruiscono circa 900 nuove case; le abitazioni occupate nel 1981 risultano 2.355, divenute 3.272 nel 1991; nel 1991 il numero delle abitazioni non occupate è pari a 3.645. Il ritardo dell'amministrazione pubblica nel pianificare questa crescita, risulta dei tutto evidente; soltanto nel 1972 si adotta il primo Programma di Fabbricazione esteso all'intero territorio comunale. Ad alcune discutibili scelte di fondo, quale ad esempio quella di classificare come zone B di completamento zone totalmente inedificate, si aggiunge la distorta gestione dei P. di F; intere zone, ivi comprese quelle riservate alle attrezzature pubbliche, vengono aggredite dall'edificazione. La crescita incontrollata è accompagnata dal 1970 al 1985, anno di emanazione della Legge n. 47 sul controllo dell'attività urbanistico edilizia, da un significativo fenomeno di abusivismo edilizio. Sia i centri urbani consolidati che porzioni significative della fascia costiera vengono interessati dal fenomeno dell'edificazione fuori dalle regole; ambiti costieri di notevole pregio ambientale (Sa Petra Ruia, Avedì, Su Tiliò) vengono di fatto compromessi o degradati. Frattanto il centro di Siniscola si espande vistosamente: verso la direttrice per La Caletta in zona Duai a nord ‑ est; a ridosso della nuova Via G.F. Conteddu ad est‑ ad est del Rio Siniscola con il quartiere denominato "Ponte di Ferro"; si consolida e si accresce, a Sud, il quartiere Sa Sedda. le carenze in termini di viabilità primaria, attrezzature e servizi pubblici diventano sempre più marcate.

 

A poca distanza dal centro, a guisa di quartieri residenziali satellite, nascono gli insediamenti di Janna e Frores e San Narciso.

 

La crescita urbana più vistosa si materializza probabilmente a La Caletta; la sua funzione di centro balneare e di servizi per un'ampía fascia di gravitazione, anche sovracomunale, da impulso ad un'espansione che porta nell'arco di un ventennio, il nucleo urbano a quintuplicarsi.

 

Il forte carico di abitanti (circa 6/7.000 in alta stagione) pone in evidenza la carenza di infrastrutture e servizi, anche essenziali come l'approvvigionamento idríco. E centro di La Caletta, oltre che le esigenze del turismo stagionale, soddisfa anche la pressione insediativa dei residenti: i 152 abitanti dei 1961 divengono i circa 1.500 attuali.

 

Tenuto conto dei vincoli fisici e giuridici gravanti sul territorio al contorno, il nucleo urbano di S. Lucia conserva, in massima parte, la sua dimensione originaria; si procede, però, ad una profonda alterazione delle antiche tipologie edilizie, anche attraverso demolizioni totali e successive ricostruzioni.

 

Notevole, dal 1970 ad oggi, lo sviluppo degli insediamenti turistici costieri; oltre le lottizzazioni di "S'Ena e sa Chitta" e "Mimmiu Canu" (pervenute in questi anni alla totale saturazione) si assiste alla crescita repentina di una serie di insediamenti abusivi, da quelli circoscrittí a poche unità edilizie a quelli formati da centinaia di costruzioni: è il caso della zona di "Su Tiliò", "Avedì", "Sa Pedra Ruia".

 

La forte pressione insediativa caratterizzante questo ultimo ventennio, determina il proliferare degli insediamenti sparsi nelle zone agricole; fatta eccezione per una modesta percentuale di fabbricati realmente connessi alle attività agricola e pastorale, il fabbisogno abitativo primario trova parzialmente risposta nel territorio agricolo contermine al centro urbano di Siniscola, con significative concentrazioni nella zona di S. Narciso e S'Alapattu a nord ‑ est, Marinedda ad est, S'Aspidda e Garraù a sud. Allo stesso modo, ma per soddisfare il fabbisogno abitativo di tipo turistico ‑ stagionale, vengono utilizzate le zone agricole contermini alle zone turistiche, per tutta l'estensione della fascia costiera.

 

Anche se con notevoli ritardi, negli anni ottanta l'Amministrazione Comunale adotta una serie di Piani Urbanistici. Nel 1982 si adottano lo Studio di Disciplina delle zone turistiche ed il Piano Particolareggiato della Zona Industriale d'interesse Regionale; nel 1989 viene approvato il Piano Regolatore Generale e di seguito a questo i Piani di Risanamento degli ínsediamenti abusivi: Sa Petra Ruia, Su Tiliò, Avedì, S. Narciso; vengono infine redatti i Piani Particolareggiati di La Caletta e S. Lucia.

 

La Legge n. 47/85 sul controllo dell'attività urbanistico ‑ edilizia ha pressoché bloccato e circoscritto il fenomeno dell'abusivismo; la pianificazione urbanistica comunale ha rimesso sufficiente ordine di un panorama complessivo caratterizzato dall'espansione caotica.. L'evidente rallentamento dell'attività edilizia caratterizzano questi primi anni novanta‑ le cause vanno ricercate sia nella crisi strutturale dei settore a livello nazionale, sia nella difficoltà, tutta locale, di far decollare i piani attuativi d'iniziativa pubblica e privata.

 

E nuovo regime pianificatorio introdotto con la Legge n. 45/89, i conseguenti Piani Territoriali Paesistici, l'obbligo di adeguamento ad essi attraverso il Piano Urbanistico Comunale, potranno divenire per Siniscola ed il suo territorio l'occasione per ritrovare la via di un ulteriore sviluppo, possibilmente più razionale ed equilibrato che nel recente passato. 

1- PUC – Progetto preliminare – Relazione di sintesi – 1997

 

         

         

Guida TV 

Meteo

A Siniscola

Google

Costume di Siniscola

Costume di Siniscola

lineablu

 
 

Homepage

                                    vai sopra                                     

     Siti Preferiti

  

  Ansa | cnn Italia | Italia Post | rainews24 | Agenzia Italia |  Ago

amico |  Asca |  Eipa | Ag.  giornalisticaeuropea | Televideo

      

  Copyright © 2002 siniscolaonline / Inc. Tutti i diritti riservati