Google | SuperEva | Arianna | msn.com | inwind | Tiscali | Excite | Yahoo! | Virgilio | Trovatore | AltaVista | lycos

 

logo logo Siniscola antilogo

   Homepage  

Foto

Letteratura

Chiese

Sport

Banche

Musica 

Sardegna

Attività culturali

   

Letteratura

         

Siniscola: il passato, la fede e la sua festa

Prefazione

La Festa della Madonna delle Grazie sta rinnovando i fasti d’un avvenimento che ha segnato a lungo la storia e la vita della nostra gente.

 

La paura di un lento declino, si avvertiva in qualche vago cedimento che coinvolgeva la stessa organizzazione della festa.

 

Da alcuni anni l'entusiasmo dei nuovi comitati, l'intelligente concorso di nuove idee, la proposta di iniziative originali e soprattutto il progetto della Leva '56, che realizza anche la presente pubblicazione, rilanciando in termini culturalmente significativi e fruibili da tutta la comunità, stanno dando alla Festa della Madonna delle Grazie nuove dimensioni e allargando gli orizzonti sacri e profani in un ritmo di riti religiosi e folkloristici, che stanno ravvivando una memoria che non poteva andare perduta.

 

il progetto della pubblicazione è stato accolto unanimente da tutto il comitato e la sua realizzazione è stata possibile grazie alla passione intelligente e decisa di un gruppo più ristretto che ci consegna un'opera rara e unica che colloca la Festa delle Grazie con tutti i suoi risvolti storici e religiosi, popolari e aristocratici in una cornice di nostalgiche e indimenticabili rimembranze.

 

Frutto di una ricerca a tutto campo, dagli archivi alle case, dal le carte alle memorie vive degli anziani più fecondi di ricordi.

 

" Grassias damus e Pedímus

grassías de grassias Segnora"

 

La risonanza popolare del canto dei gosos evoca pensieri sentimenti che fanno correre i ricordi più felici alla Festa delle Grazie, consacrata dal tempo e dalla tradizione, come una delle più amate nelle contrade dell'alta Baronia e una delle sagre più at tese dai Siniscolesi e dagli abitanti del circondario.

 

Folle di pellegrini hanno animato le strade e le campagne, a piedi e a cavallo e in tempi più recenti in macchina, per raggiungere il santuario di Nostra Signora delle Grazie, felici e ansiosi di deporre nelle mani della Madonna preghiere, speranze, desideri e intenzioni nascoste che solo alla Madre di tutte le Grazie si potevano confidare.

 

Una festa di quelle segnate su un ideale diario quotidiano per essere rinnovato ogni giorno e rinfrescato col sapore indimenticabile di quei motivi paesani che riportavano alla memoria gli incontri, gli auguri, i balli, i torroni, gli organetti, le bancarelle, le preghiere, i predicatori e quell'incontenibile gioia stampata sul volto dei bambini e la serena, compiaciuta e dignitosa aria di festa dei pastori, dei contadini e degli artigiani cui la Madonna delle Grazie concedeva una sosta meritata alle loro fatiche.

 

Pietà mariana sentita nel cuore e celebrata da secoli nella elegante chiesa dedicata alla Madonna delle Grazie, fin dai primi decenni del 1600, mantenuta viva in un ritmo alternato tra slanci di alta spiritualità e la voglia insaziabile di gesti e di segni umani, di svaghi e di sollievo e di rinnovate speranze, che la festa della Grazie amplificava all'infinito.

 

E le "poetiche" romantiche serate quelle che il clima accompagnava con qualche scroscio di pioggia, in cui più spesso la luna si affacciava splendente dal cielo, per condividere la festa e per sentirsi anch'essa testimone di epopee cantate dai poeti, la cui voce faceva memoria del passato e diventava profezia di tempi nuovi.

 

Tutto questo e ancora di più con infinite suggestioni ci propone la preziosa ed elegante pubblicazione curata dalla Leva '56.

 

Plaudiamo con soddisfazione ad una iniziativa che riporta al centro dell'attenzione e delle attese popolari un avvenimento che è nel cuore di tutti noi.

 

La pubblicazione fa una meravigliosa sintesi tra passato e presente, armonizzando storia e culto, modernità e tradizioni, in un coinvolgente rincorrersi di fatti e di emozioni e rimarrà un riferimento unico e fecondo capace di assecondare il rigore scientifico e la fantasia, il folklore e la fede.

 

 Don Ciriaco Vedele

 

                                                     Indice

 
 

Guida TV 

Meteo

A Siniscola

Google

Costume di Siniscola

Costume di Siniscola

 
 

Homepage

                                    vai sopra                                     

     Siti Preferiti

  

  Ansa | cnn Italia | Italia Post | rainews24 | Agenzia Italia |  Ago

amico |  Asca |  Eipa | Ag.  giornalisticaeuropea | Televideo

      

  Copyright © 2002 siniscolaonline / Inc. Tutti i diritti riservati