Google | SuperEva | Arianna | msn.com | inwind | Tiscali | Excite | Yahoo! | Virgilio | Trovatore | AltaVista | lycos

 

logo logo Siniscola
   

   Homepage  

Foto

Letteratura

Chiese

Sport

Banche

Musica 

Sardegna

Attività culturali

   

Storia di siniscola

SI ATTENDONO GLI ARRESTI  

Nuoro, 18 ore 12,30 (L.) ‑ In città producono impressione enorme le notizie che provengono da Siniscola. Qui si afferma che oltre all'odio antico tra siniscolesi ed írgolesi, abbia dato causa alla recente agitazione il modo con cui il paese è stato amministrato in questi ultimi anni. Si dice che siano state inviate per la via di Terranova numerose truppe a Siniscola. Il concentramento di forze a Irgoli è difficile, mancando strade (?) Per questa sera sul tardi sono attesi a Nuoro, per essere rinchiusi nel carcere giudiziario i pastori arrestati avantieri nel salto Pauleddas e in Siniscola dopo la prima dimostrazione. Gli arrestati vengono tradotti su carri a buoi.

 

Invio di truppe

 

Nuoro,18, ore 13 (L) ‑ Apprendo ora che dietro richiesta telegrafica del sottoprefetto Doro, che è arrivato ieri notte sul tardi a Siniscola, in compagnia del giudice istruttore, del capitano dei carabinieri, la prefettura di Sassari ha disposto per l'invio dalla Maddalena di 150 soldati. Questi soldati sono partiti ieri notte su navi della regia marina e arriveranno a Siniscola verso le ore 15. Intanto da tutte le stazioni vicine si sono racimolati più carabinieri che si è potuto e si sono inviati a Siniscola. LI fermento continua, però non è avvenuto alcun nuovo disordine.

 

La distruzione di un salto

 

Nuoro, 18 ore 14 (L).‑ Un forte gruppo di siníscolesi si troverebbe armato in campagna alla caccia di irgolesi. Essi avrebbero già distrutto il salto Annassargia e la dispensa.

 

Le ultime notizie

 

Nuoro, 18, ore 16(L.) - Un telegramma da Siniscola annunzia che i dimostranti impediscono che la posta per Terranova parta. Così pure impediscono che il messo esattoriale si rechi a Posada; Si parla anche di minaccia contro l'ufficiale telegrafico. Credesi che il minacciato conflitto fra siniscolesi ed irgolesi a Pauleddas non sia avvenuto. Non si hanno altre notizie.

 

Lo stesso giorno che il quotidiano sassarese racconta lo svolgersi dei fatti, ora per ora, viene pubblicata la lettera di un lettore di Siniscola, che si rivolge al giornale per denunciare come la causa di molti mali della Sardegna di quel periodo storico fosse da individuare nella "gravissima imposta fondiaria". La lettera ha come titolo: VOCI DI DOLORE.

 

Proprio da Siniscola nei giorni passati ci scrivevano le seguenti parole rivelanti il dolore anche dei meno colpiti dal disagio generale. Il nostro periodo storico è in via di progresso per l'istruzione popolare. E’ naturale che le masse ne profittino per il loro miglioramento economico. Bisognerebbe però far loro intendere con sana educazione che la società col garantire i loro diritti ha pure l'obbligo di esigere il compimento di tutti i doveri. La scuola moderna corrisponde pienamente a questo duplice insegnamento? Ho ragione di dubitarne. E’ molto, ma molto difficile penetrare nella mente del popolo attitudini speciali si richiedono negli insegnanti per l'educazione delle masse.Quando queste principali necessità della vita civile si facciano camminare di pari passo, il popolo non ha bisogno di ricorrere alla rivolta a mano armata, alle sassate, ma avrebbe ben altri mezzi per il suo risorgimento economico: la scelta dei suoi buoni amministratori, la scelta dei migliori uomini per rappresentarlo nel Parlamento. Non si lascerebbe ingannare e corrompere dai soliti intrighi, ma sarebbe in caso di dare i suoi equi giudizi su uomini e cose. Queste considerazioni le faccio non per la sola Sardegna, ma ancora per le altre regioni dell'Italia che non si trovano in condizioni molto migliori dell'isola nostra. Quali cause vecchie e nuove delle riscosse popolari? Tutta la stampa si preoccupa di questi dolorosi avvenimenti e valenti pubblicisti del partito liberale con splendidi articoli ne danno giudizi ponderati. Le nostre vecchie e cancrenose piaghe sono innumerevoli e l'odissea dei nostri mali le registra, a dolenti note, la nostra storia. Al principio specialmente dopo la cessazione della dominazione romana le recenti vennero anche illustrate dai deputati Chiesa e Valeri ed altri. I mali nostri, il nostro malessere economico provengono in modo speciale dalla gravissima imposta fondiaria.

 

I moti di Siniscola nel n. 224 della Nuova Sardegna di lunedì‑martedì 20 e 21 agosto sono ancora nella prima pagina che racconta il ritorno dei "rivoltosi da Pauleddas", l'ondata di arresti e nuovi particolari, mentre si teme che la scintilla di Siniscola diventi focolaio di rivolta anche nei centri vicini come Orune, Dorgali e Lula, comunità divise e tormentate dal problema delle terre ex‑ademprivili.

 

       

    indietro                                indice                                     avanti  

 

Guida TV 

Meteo

A Siniscola

Google

Costume di Siniscola

Costume di Siniscola

lineablu

 
 

Homepage

vai sopra

     Siti Preferiti

  

  Ansa | cnn Italia | Italia Post | rainews24 | Agenzia Italia |  Ago

amico |  Asca |  Eipa | Ag.  giornalisticaeuropea | Televideo

      

  Copyright © 2002 siniscolaonline / Inc. Tutti i diritti riservati