Google | SuperEva | Arianna | msn.com | inwind | Tiscali | Excite | Yahoo! | Virgilio | Trovatore | AltaVista | lycos

 

logo logo Siniscola

   Homepage  

Foto

Letteratura

Chiese

Sport

Banche

Musica 

Sardegna

Attività culturali

   

Siniscola: storia

 Origine: derivazione del nome di Siniscola

Il Toponimo Siniscola: origine ed evoluzione

di Vittorio Sella

 

Per capire il perché il toponimo Siniscola è così distinto, occorre andare indietro nel tempo e compiere una riflessione sul ruolo del territorio all'interno delle vicende storiche vissute dalla Sardegna nel periodo tardo bizantino e giudicale.

 

A spiegare il significato del toponimo concorrono la linguistica sarda e gli studi storici compiuti fino ad ora sulla Sardegna bizantina e alto giudicale e sulle sue istituzioni politiche, giuridiche ed economiche da Enrico Besta, Arrigo Solmi e di recente dalla scuola di studi storici fondata negli anni Sessanta  e Settanta dal professor Alberto Boscolo che ha proiettato nuovi fasci di luce su  quel lontano periodo che ha caratterizzato la storia della nostra isola, divisa in giudicati e governata dai Giudici (Re). Di aiuto per la scrittura di questa scheda sono state anche le letture degli studi e delle ricerche degli storici Lucio Artizzu e Francesco Cesare Casula sul periodo pisano e del Giudicato di Gallura.

 

La Siniscola di oggi sul piano amministrativo era inserita nella parte sud del giudicato di Gallura che comprendeva gli abitati di Posada, Torpè, Budoni e  Siniscola. Queste quattro “ville” (iddas, biddas) davano vita ad una curatoria, chiamata anche partes, oppure distretto che dipendeva da un curatore, un ufficiale del Rennu  (territorio governato dal Giudice) che regolava l'attività economica della curatoria

dove contribuivano all'opera di amministrazione, su mandato temporaneo, anche i cosiddetti " maiores de villa”. Uno era denominato “maíore de scolca”. Il vocabolo "scolca" ci rimanda all'epoca bizantina e alto‑giudicale quando la “scolca”  era costituita da un gruppo  di persone armate che aveva il compito di vigilare su tutti i beni e le proprietà presenti nel territorio delle quattro ville che formavano la curatoria o distretto: i beni erano rappresentati dagli armenti, dai raccolti dentro i confini del distretto. E da ritenere che

il toponimo Siniscola derivi dal ruolo che questo sito, questa villa (bídda), la quarta e quella più a sud delle quattro, ha esercitato al confine del giudicato di Gallura e della  curatoria che faceva capo ad Urisè‑Galtelli. La “scolca” si basava inoltre su un giuramento

che veniva fatto dagli abitanti della curatoria che avevano compiuto, documenta  Enrico Besta nella sua opera dedicata alla Sardegna medioevale, i quattordici anni e  non superato i settanta. Il giuramento era un impegno "di non facher dannu alcunu con persone over bestias in arvos, vígnas, over cosas azenas et de accusare cussos  qui arun facher contra". il valore del giuramento scattava all'interno delle quattro ville.

 

C'è da dire che nella parlata sarda degli abitanti di Bitti, Lula e Nuoro, fino a qualche decennio addietro, Siniscola era detta Thiniscòle e gli abitanti venivano chiamati Thiníscolesos, oppure era nota come Finiscòle, una variazione dello stesso toponímo, composto da 'Finis` (fine, confine, limite) e 'scholae, un vocabolo che in epoca bizantina

veniva usato per indicare anche un gruppo di armati, come sostiene il linguista Massimo Pittau.

 Vocabolo che ha comunanza di significato con l'istituto della 'scolca' nel periodo alto‑giudicale.

 

La citazione del toponimo Sinischole è presente nel primo documento scritto, noto come Liber Fondachi per gli anni 1317‑1318 e di cui si tratta in altra parte della presente  pubblicazione. Il nome 'Siniscole' lo si trova con questa scrittura nelle 'Rationes Decimarum Italiane nei secoli XIII e XIV‑Sardinía", di P. Sella.

Un altro documento che in questa circostanza è importante e utile citare risale al 1358,  quando il giudicato di Gallura e la curatoria formata da Posada, Torpè, Siniscola e Budoni passa sotto il dominio del re d'Aragona. Il nuovo dominatore della popolazione sarda pubblicò una Carta intitolata “ Castella, villae, sylvae saltus, terrae et jura tutius judícatus Gallurae”: l'obiettivo era stabilire la quantità di tasse da far pagare a ciascuna villa. il documento, citato in uno studio sulla Gallura di Antonio Murineddu, riporta i centri che facevano

parte della Curatoria di Montalbo e nomina Siniscola, ma puntualizza che in questo  territorio erano presenti anche Lonne e Rampellas, un toponimo da identificare con il villaggio di Rempellos, di cui sopravvivono ancora oggi le testimonianze nel litorale di Bèrchida.

Il toponimo Siniscola è citato anche in un documento che risale alla fine del 1500: si tratta della descrizione delle condizioni di sicurezza delle coste della Sardegna fatta da Marco Antonio Camos, Capitano di Iglesias che dall'ultimo giovedì di gennaio del 1572  fino alla sera di mercoledì 26 aprile dello stesso anno ispeziona il litorale.

Nella descrizione riservata a questa parte di litorale, nel documentare la presenza di corsi d'acqua che scorrono tutto l'anno cita il " Rio Siniscola".

 

Vittorio Sella

 

*Siniscola il passato, la fede e la sua festa – edizioni Solinas 2002

pubblicato a cura del Comitato “Leva 1956” per i festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie dell’anno 2002


 

 

Siniscola, deriva dal sardo “Siniscòla”,  “Thinischòle”. (1)

Secondo il Miglior, Siniscola deriva da Sin (dio Luna) e Schole (riposo – in greco), da cui Siniscola (riposo del dio Luna).(2)

1Le Baronie– Lussorio Monne – Eedizioni Solinas R. D. I.,Sardegna, sec. XIII.

2 Iosto Miglior, I comuni della Sardegna – Etimologia dei nomi.  


Il nome di Siniscola deriva etimologicamente da Finis Sholae, che significa “fine di coorte”, perché in epoca bizantina, col vocabolo schola, si indicava la ripartizione dell’esercito in varie coorti;

  infatti qui passava uno dei confini più importanti, quello che lo separava dalla giurisdizione della Gallura.(3)

3 Paola Corrias, Il Comune di Siniscola nel secondo dopoguerra, Tesi di laurea 1993-1994.  

Continua >> a pag. 2

    

Guida TV 

Meteo

A Siniscola

Google

Costume di Siniscola

Costume di Siniscola

I moti di Siniscola

lineablu

 
 

Homepage

                                      vai sopra                                       

     Siti Preferiti

  

  Ansa | cnn Italia | Italia Post | rainews24 | Agenzia Italia |  Ago

amico |  Asca |  Eipa | Ag.  giornalisticaeuropea | Televideo

      

  Copyright © 2002 siniscolaonline / Inc. Tutti i diritti riservati